Il Barbone

La storia del Barbone

Il Barbone è una razza canina di origine francese. In passato, grazie al suo fiuto e alla sua predisposizione a stare in acqua, il barbone era impiegato nella caccia alle anatre come cane da riporto in acqua.

Gli esemplari di piccola taglia sono stati utilizzati come cercatori di tartufo grazie al loro ottimo fiuto e alle dimensioni che permettono di muoversi agilmente nel sottobosco. Le piccole zampe, inoltre, danneggiavano i funghi in maniera minore rispetto ai cani più grandi.

L’iconografia ci mostra esemplari di barbone a partire dal tardo Medioevo fino ad arrivare alla corte della regina Anna d’Inghilterra, che conobbe e apprezzò questi animali quando alcuni suoi sudditi le mostrarono dei barboni addestrati che si posizionavano sulle zampe posteriori saltellando e roteando.

Agli inizi dell’Ottocento, grazie alle loro eccezionali caratteristiche intellettive e di temperamento, molti barboni iniziarono ad apparire nei circhi francesi. È proprio in questo periodo che furono creati dagli allevatori i primi esemplari grigi e albicocca.

In difformità a quello che era stato per secoli il suo utilizzo prevalente, il barbone viene oggi posto nel IX gruppo della classificazione FCI (Federation cynologique internationale), cioè nella categoria dei cani da compagnia.

Il carattere

Il barbone è un cane brillante, simpatico, docile e vivace; è affettuoso e coccolone, si adatta quindi perfettamente alla convivenza con i bambini. E’ un cane estremamente intelligente e facilmente addestrabile.

Si affeziona moltissimo al suo padrone, tanto da seguirlo letteralmente ovunque, anche da una stanza all’altra della casa. Vi corre incontro quando vi sente rientrare, ama moltissimo il contatto fisico, e se ne avete il tempo, vi starà in braccio per ore per farsi coccolare. Rimane diffidente nei confronti degli estranei.

E’ perfetto per la vita d’appartamento, dato che non necessita di grandi spazi in cui vivere, ricordando però di portarlo a fare lunghe passeggiate considerando la sua buona resistenza fisica.

Aspetto fisico

La peculiarità che più di tutte differenzia il barbone dalle altre razze è il pelo: esso appare riccioluto e soffice e si presta a diversi tipi di taglio che, nelle gare di bellezza, vengono utilizzati per valorizzare l’aspetto dell’animale. Una caratteristica molto importante del pelo del barbone è che esso non ha il sottopelo, come la maggior parte degli altri cani, e perciò non presenta periodi di muta: il pelo non cade mai ma anzi cresce continuamente ed è inoltre ipoallergenico. Anche questa particolarità contribuisce a rendere questa razza perfetta per la vita domestica.

Le colorazioni

I colori standard ammessi sono 5: fulvo, nero, grigio, bianco, marrone.

Nel nostro allevamento selezioniamo Barboni Toy color fulvo in tutte le sue tonalità. Con il termine Fulvo, si definiscono tutte le sfumature dal più chiaro “Champagne”, passando dal medio “Albicocca”, al più scuro “Rosso”.

Taglie del barbone  

Il barbone può presentarsi in quattro diverse taglie:

  • il barbone grande mole va dai 45 ai 60 centimetri al garrese (con tolleranza di +2cm);
  • il barbone medio va dai 35 ai 45 centimetri al garrese;
  • il barbone nano va dai 28 ai 35 centimetri al garrese;
  • il barbone toy va dai 24 a 28 centimetri al garrese (con tolleranza di -1cm);

Il peso ideale si attesta intorno ai 26-27 kg per la taglia grande, 9 -10 kg per la media, 6 kg per la taglia nana e sotto i 3,5 kg per la taglia toy.

× contattare per informazioni